Il metodo

Home | Il metodo

Una delle convinzioni più diffuse ed ingannevoli è che per risolvere problemi complicati e che persistono da tanto tempo siano necessari percorsi terapeutici altrettanto lunghi e faticosi. Questa convinzione dà per scontato che cambiare non solo sia faticosissimo ma quasi impossibile, non considerando il fatto che se dei problemi sono complicati e persistenti, ciò non significa che la soluzione debba essere altrettanto complicata ed estesa nel tempo.

Il processo psicoterapeutico è un percorso altamente personalizzato e, pertanto, costruito dallo psicoterapeuta insieme al cliente. L’approccio psicoterapeutico utilizzato dal Dr.Gerry Grassi deve la sua efficacia all’utilizzo di una metodologia operativa che riprende i contributi più recenti della:

Secondo questi modelli di intervento, è prevista la possibilità di un accertamento diagnostico e di un intervento, di poche sedute, focalizzato sulle esigenze specifiche della persona. Ognuno di questi approcci alla psicoterapia, che fa da cornice alla strutturazione del un progetto terapeutico cucito sulla persona, permette di ottenere cambiamenti significativi nei sintomi, nelle relazioni e sulla personalità, permettendo una progressiva maturazione emotiva attraverso il rapporto umano e l’attenzione ai significati personali delle esperienze.

L’intervento terapeutico focalizza la sua attenzione sulla descrizione del problema portata dal cliente anziché sulla ricerca delle cause “profonde” della sua sofferenza. Sebbene possa sembrare semplicistico, vi è la convinzione che sia meglio definire i problemi come comportamenti causanti sofferenza a chi se ne lamenta e ricerca un cambiamento. Le manifestazioni possono essere diverse da persona a persona e i comportamenti lamentati possono dipendere da diversi fattori; ciò che una persona considera problematico, un’altra può considerarlo normale. Dunque se non c’è lamentela, non c’è problema. Questo si discosta dal punto di vista tradizionale, secondo il quale il comportamento problematico è il riflesso di una condizione anormale, malattia o disordine, alla quale vengono date etichette diagnostiche. Certamente alcuni comportamenti possono essere, o essere stati, catastrofici ma rimangono comunque comportamenti.

Nella visione tradizionale il terapeuta raccoglie informazioni con l’obiettivo di arrivare ad una diagnosi, in quanto la considera necessaria per sapere come intervenire; tratterà poi la diagnosi. Viene invece fatta una dettagliata valutazione del comportamento problematico e poi viene trattato il comportamento stesso.

NON VENGONO PRESCRITTI FARMACI

L’efficacia della psicoterapia breve è stata ampiamente supportata da numerose prove sperimentali e cliniche, come descritto da gran parte della letteratura psicologica contemporanea. In questo tipo di psicoterapia breve non si va alla ricerca di oscure, complicate e profonde cause, presunte o ipotetiche, del problema ma ci si focalizza sul “come” ogni persona, nel qui e ora (ossia nella situazione attuale), senza rendersene conto “costruisce” la trappola nella quale entra e non riesce più ad uscirne da solo.

L’obiettivo dello psicologo e psicoterapeuta diventa quello di stimolare nella persona un processo dove piccoli cambiamenti portino il sistema-persona a cambiamenti sempre più grandi ed evidenti. In altre parole l’obiettivo è il CAMBIAMENTO.

Per fare questo vengono anche assegnati alcuni ESERCIZI PRATICI (gli homeworks, ovvero i compiti a casa) con lo scopo di far apprendere alla persona nuovi modi per affrontare e risolvere rapidamente il problema. Puoi consulatare la pagina relativa alle DOMANDE oppure puoi SCRIVERCI direttamente per ulteriori chiarimenti.

Ti potrebbe interessare

  • Psicoterapia strategica breve

    L’ Approccio Strategico e le Terapie Brevi rappresentato una sorta di rivoluzione copernicana nel campo della psicoterapia orientando l’intervento terapeutico verso l’ effettiva e rapida soluzione delle problematiche presentate dai pazienti, dimostrando che, anche se i problemi e le sofferenze umane possono essere estremamente persistenti, complicate e dolorose, non necessariamente richiedono soluzioni ugualmente complicate e […]

    Vai alla pagina
  • Psicoterapia Ericksoniana

    La Psicoterapia Ericksoniana si ispira all’opera di Milton Hyland Erickson, il maggior specialista di ipnosi clinica al mondo. Oltre ad essere stato un grande innovatore nel campo dell’ipnosi clinica e sperimentale, Erickson è stato un maestro della psicoterapia breve, nella quale dispiegava una inesauribile varietà di tecniche di cambiamento. La psicoterapia ericksoniana fonda la sua […]

    Vai alla pagina
  • Ipnosi

    Molte persone sono intimorite dall’ipnosi perché pensano che sia un’esperienza sconvolgente, dove perderanno il controllo e faranno cose sconvenienti e imbarazzanti. In realtà, l’ipnosi non è altro che una condizione naturale che si verifica spontaneamente in diversi momenti della vita quotidiana (Common everyday trance, Haley 1978) e che può essere utilizzata nel pieno rispetto delle […]

    Vai alla pagina
  • PNL

    La Programmazione Neurolinguistica (PNL) nasce nei primi anni ’70 a Santa Cruz, California, dall’opera del matematico Richard Bandler e del linguista John Grinder. Il lavoro di questi due studiosi fu principalmente frutto di anni di ricerche orientate a scoprire attraverso un’analisi minuziosa e attenta, cosa permettesse (in termini di comportamenti specifici e riproducibili) a terapeuti […]

    Vai alla pagina
  • TCS

    TCS – Terapia breve Centrata sulla Soluzione La Psicoterapia Breve Centrata sulla Soluzione (TCS o Solution focused brief therapy model) è una forma di psicoterapia breve che nasce dal lavoro pioneristico di Steve De Shazer e dal suo gruppo di Terapia Familiare Breve negli Stati Uniti (più precisamente a Milwaukee) nei primi anni ’80. In […]

    Vai alla pagina
  • EMDR

    EMDR – Eye movement desensitization and reprocessing La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (in inglese eye movement desensitization and reprocessing da cui l’acronimo EMDR), è un metodo clinico da poco diffuso (la prima pubblicazione scientifica risale al 1989) in alcune forme di psicoterapia; è stato applicato, soprattutto nel trattamento del disturbo post traumatico […]

    Vai alla pagina
  • ACT

    ACT – Acceptance and Commitment Therapy Il comportamentismo, ossia l’analisi e la terapia del comportamento, si è sviluppato grazie al metodo scientifico. Purtroppo nell’immaginario collettivo il comportamentista è colui che non si occupa della cognizione o, peggio ancora, la nega. In realtà gli analisti del comportamento non hanno mai smesso di studiare i processi cognitivi ed […]

    Vai alla pagina

CORSO GRATUITO DI CRESCITA

Iscriviti e ricevi ogni lunedì, per 8 settimane, una lezione di crescita personale direttamente nella tua casella di posta.


By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.