Ipnosi

Home | Il metodo | Ipnosi

Molte persone sono intimorite dall’ipnosi perché pensano che sia un’esperienza sconvolgente, dove perderanno il controllo e faranno cose sconvenienti e imbarazzanti.
In realtà, l’ipnosi non è altro che una condizione naturale che si verifica spontaneamente in diversi momenti della vita quotidiana (Common everyday trance, Haley 1978) e che può essere utilizzata nel pieno rispetto delle esigenze e delle capacità della persona.

L’Ipnoterapia, in linea con la definizione dell’ American Psychological AssociationPsychological Hypnosis – è una forma di psicoterapia breve, efficace nel trattamento di un’ampia gamma di disturbi psicologici, fisici, psicosomatici e psicofisiologici. In alcuni casi può recare giovamento anche quando altri tipi di terapie siano giunte ad un impasse.

Uno dei motivi principali per cui si utilizza l’ipnosi in psicoterapia sta nel fatto che lo stato di ipnosi (la trance terapeutica) è un periodo durante il quale i limiti dei propri abituali schemi di riferimento sono temporaneamente modificati: siamo maggiormente ricettivi a nuovi modelli di associazione e di funzionamento, mentale e fisico, che tendono alla soluzione dei problemi e favoriscono l’autoguarigione.
Sebbene siamo abituati a pensare alla terapia come ad un intervento che viene dall’esterno, la guarigione è un processo che proviene dall’interno e riguarda l’intero sistema del corpo. In ipnosi il corpo e la mente del paziente sono la prima forza rimediale mentre il ruolo del terapeuta è quello di fungere da catalizzatore, ossia di favorire l’attivazione delle risorse interne del paziente durante il processo di guarigione.

In ipnosi il terapeuta può aiutare il paziente ad accedere alle proprie risorse fisiche e mentali: la suggestione ipnotica può facilitare l’emergere di capacità e potenzialità già presenti nella persona ma che spesso rimangono inutilizzate o inespresse. L’ipnosi è quindi un mezzo attraverso il quale si aiutano le persone ad usufruire delle proprie associazioni mentali, dei ricordi e delle potenzialità vitali per raggiungere lo scopo terapeutico.
L’ipnoterapeuta associa, nello stato di trance, ciò che i pazienti vogliono fare alle loro attitudini comportamentamentali: in questo processo l’ipnosi è il collante nel quale fantasie e desideri vengono legati alle capacità comportamentali così che, ciò che si desidera, può essere attualizzato nel comportamento reale. Il terapeuta non fa altro che permettere ai pazienti di riconoscere nuove possibilità e costruire ponti tra le capacità e gli obiettivi personali.

QUALI PROBLEMI POSSONO ESSERE RISOLTI CON L’IPNOSI?

La terapia ipnotica può agire efficacemente su numerosi disturbi come:

  • Ansia,
  • Depressione,
  • Insonnia,
  • Fobie,
  • Attacchi di panico,
  • Ossessioni,
  • Disturbi alimentari,
  • Disturbi sessuali (Impotenza, vaginismo ed eiaculazione veloce)
  • Disturbi da somatizzazione (cefalee, dermatiti, asma, colon irritabile)

Possono essere inoltre trattate numerose problematiche quali:

  • Insicurezza,
  • Cali di autostima,
  • Delusioni Amorose,
  • Difficoltà a parlare in pubblico,
  • Dubbi relazionali,
  • Gelosie,
  • Confusione,
  • Insicurezza di fronte a scelte importanti.

E’ utilizzata nella Terapia del Dolore:

  • Malattie oncologiche
  • Emicranie
  • Fibromialgia

E’ inoltre è risultata essere un ottimo strumento per trattare le dipendenze:

  • Alcolismo
  • Fumo
  • ecc . . .

QUANTO DURA UNA SEDUTA?

La durata delle sedute è generalmente di 45 minuti

A CHI POSSO RIVOLGERMI?

A garanzia di professionalità e serietà nell’utilizzo delle tecniche ipnotiche è necessario rivolgersi a psicologi e psicoterapeuti abilitati alla professione e registrati presso i propri albi professionali di appartenenza.

CORSO GRATUITO DI CRESCITA

Iscriviti e ricevi ogni lunedì, per 8 settimane, una lezione di crescita personale direttamente nella tua casella di posta.


Gerry Grassi